Partito il progetto di apprendistato duale per due allievi dell’indirizzo manutentori elettronici ed elettrici

Contrastare la dispersione scolastica e promuovere un concreto inserimento lavorativo dei suoi studenti: questi gli obiettivi che l’istituto Sraffa, con sezione associata Marazzi, si propone di perseguire e che trovano attuazione nei progetti di apprendistato duale, partiti quest’anno dopo una fase di programmazione che ha coinvolto i docenti e Ali spa (azienda leader nella somministrazione, ricerca&selezione, politiche attive del lavoro), cogliendo l’occasione offerta da un bando regionale. “Per ora l’iniziativa si attesta su piccoli numeri, preferendo puntare sulla qualità”, commenta la dirigente scolastica Roberta Di Paolantonio, che ha fortemente voluto l’adesione a questo progetto. “Da quest’anno scolastico, pur così complicato in tempi di Covid – aggiunge la preside – oltre all’indirizzo elettronico della sede Marazzi, il progetto coinvolgerà anche gli indirizzi professionali, enogastronomico e commerciale”.

Attualmente l’esperienza riguarda due allievi della classe 5 A PAE (manutentori elettronici ed elettrici), Matteo Manzoni e Dardar Kamar, precisa la referente Angela Bortolotti, docente di discipline elettroniche al Marazzi. “L’istituto ha colto l’opportunità offerta dal bando regionale che propone tirocini formativi con sostegni economici alle scuole, le quali poi devono rendicontare il tutto. “Per noi è la prima volta che ci cimentiamo con queste progettualità, utili anche per contrastare il fenomeno della dispersione scolastica” conclude la docente, che già in passato ha seguito gli studenti in iniziative di collaborazione con aziende del territorio, in primis con la sede Bosch di Offanengo. In altri termini, l’idea riprende l’esperienza dell’apprendistato di stampo tedesco, e nello specifico, i ragazzi selezionati, seguono la parte relativa alle discipline di indirizzo in azienda, e quella relativa all’ambito trasversale (dall’italiano, alle lingue straniere) a scuola, in presenza, almeno fino a quando è stato possibile, sulla base di un piano formativo elaborato dal consiglio di classe, con un tutor scolastico, individuato nella persona del prof. Giuseppe Nicolosi, e che si sostanzia per circa 19 ore settimanali in azienda, articolate in due giorni lavorativi ed un pomeriggio e la restante parte a scuola (ora in DaD). “La collaborazione con Ali, che ci affianca anche quest’anno – commenta la dirigente Di Paolantonio – si è resa necessaria nella fase di selezione e presentazione del progetto agli allievi, e per predisporre la parte amministrativa e contrattualistica, sgravando le segreterie scolastiche da questi adempimenti”. “Noi contattiamo le aziende che possono essere interessate a questa progettualità, che porta i ragazzi a conseguire un diploma, lavorando contemporaneamente, e gestiamo la parte relativa ai contratti di apprendistato duale di primo livello, supportando scuola e azienda, nella redazione dei piani formativi”, dice Rosa Sorrentino, che per Ali sta affiancando lo Sraffa-Marazzi in questa iniziativa. Fondamentale per Ali, il percorso che porta a selezionare gli studenti interessati, mettendoli in contatto con le realtà produttive del territorio e che potrebbe portare al termine del progetto, oltre al conseguimento della maturità, la concreta possibilità di proseguire l’esperienza lavorativa.

“Si parte dall’esigenza del territorio e delle aziende, le quali hanno necessità di reperire figure professionali adatte ai loro bisogni. Dall’altra parte, c’è la scuola, che riesce a preparare a livello teorico gli allievi ed a rafforzare la parte pratica attraverso il supporto dell’impresa. Ali si pone da intermediario – dice la dott.ssa Sorrentino – tra le esigenze delle aziende e quelle della scuola, ma anche da interlocutore che sorveglia, attraverso un attento monitoraggio, l’andamento delle attività didattiche e lavorative verso il raggiungimento dell’obiettivo formativo, avviando al mondo del lavoro, i ragazzi coinvolti”.

La società che per prima ha voluto partecipare al progetto è stata la Simet srl, società del Gruppo Enercom, che si occupa di efficientamento energetico, riqualificazione di impianti di pubblica illuminazione, realizzazione e manutenzione di impianti di trasmissione in MT BT. Simet ed il Gruppo Enercom credono ed investono nei giovani e nelle loro potenzialità di crescita, attraverso la formazione integrata scuola/azienda. La dott.ssa Anna Scuotto, referente nazionale di Ali per l’apprendistato duale, segue con interesse l’avvio di questa partnership con l’istituto cremasco, che nonostante l’incertezza di questo periodo, si spera possa proseguire e coinvolgere sempre più studenti.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.