“Rispetto alla rilevazione interna dello scorso marzo, registriamo con piacere un aumento della frequenza alle videolezioni degli allievi delle nostre sedi Sraffa e Marazzi”: questo il commento della dirigente Roberta Di Paolantonio che ha seguito nei giorni scorsi, le consegne alle famiglie degli studenti, di pc e tablet. “Una quota importante di quell’iniziale 30% circa di allievi impossibilitati a seguire la didattica a distanza proposta è stata ora raggiunta, grazie all’impegno dell’Istituto – sottolinea la dirigente – che ha utilizzato i fondi provenienti dal ministero e altri fondi a disposizione della scuola, per consegnare pc o tablet in comodato d’uso gratuito, ai ragazzi le cui famiglie avevano presentato richiesta. Ci siamo messi in contatto con le famiglie, avendo cura particolare per gli studenti rientranti nelle categorie Bes e Dva e – conclude la preside – possiamo dire di essere riusciti a rispondere alle richieste che ci sono pervenute”.

In tutto, sono una cinquantina i dispositivi tra pc e tablet, acquistati dalla scuola e forniti in prestito agli allievi secondo una graduatoria appositamente preparata. Grazie ad altre progettualità interne, la scuola ha potuto ampliare l’iniziale dotazione assicurata dal ministero dell’Istruzione per l’emergenza Covid-19, raggiungendo complessivamente il numero di pc e tablet, tale da soddisfare le richieste presentate dalle famiglie e integrandole con alcuni router, utili per consentire la connessione internet alle famiglie che ne erano sprovvisti.

“Dai riscontri avuti dagli insegnanti e dai ragazzi, mi ritengo soddisfatta perchè nel complesso la nostra scuola ha risposto alla richiesta di digitalizzazione della didattica, sperimentando questo modello innovativo che ci ha permesso di proseguire l’attività a distanza – aggiunge la preside – e che ci potrà essere utile anche in seguito, nella speranza di poter tornare a settembre ed in sicurezza, alle normali attività d’aula e di laboratorio in presenza. Per questo, attendiamo fiduciosi i protocolli che si stanno discutendo al ministero”. La dirigente Di Paolantonio anche in questa fase, intende rimarcare il lavoro di squadra, che ha permesso di completare bandi e consegna dei dispositivi e che ha coinvolto, sia in videoconferenza che in presenza, il personale docente e Ata: dall’animatore digitale Antonino Campisi, alla funzione strumentale per la digitalizzazione Marco Marconi, il coordinatore dell’ufficio tecnico Gian Battista Nichetti, ed i collaboratori della dirigenza, Paola Vita, Rosalia Del Giudice e per la sede Marazzi, Giampietro Bonizzoni.

Un anno scolastico complicato quello che volge al termine, e che ora vede i ragazzi di quinta prepararsi al colloquio conclusivo, per il quale si attende l’ufficialità dell’ordinanza ministeriale. Anche per questo, la dirigente esprime un sincero ringraziamento “alle famiglie ed agli studenti, perché dopo la comprensibile confusione della fase iniziale hanno dimostrato serietà e volontà di partecipare attivamente ad un nuovo modello di didattica a distanza”.

Per quanto riguarda i dispositivi consegnati in comodato d’uso, per i ragazzi che frequentano l’ultimo anno, la restituzione dovrà essere fatta al termine del colloquio d’esame, per i ragazzi delle classi intermedie, al termine del percorso di studio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.