Erasmus, l’ultima iniziativa a Malta. Attività sospese e calendario da rifare

Dopo le esperienze all’Isola di Wight e all’isola de La Réunion, è stata Malta l’ultima meta che ha accolto la delegazione di studenti e insegnanti dello Sraffa di Crema, rientrati in città poco prima della sospensione delle attività didattiche a seguito del Coronavirus. Nell’ambito del progetto Erasmus + Cre@t1ve Conflict Resolution and peer-to-peer School Mediation, accolti dalla Newark School of Malta di Sliema, località balneare vicino alla capitale La Valletta hanno avuto l’opportunità di rappresentare l’istituto e il cremasco gli alunni Stefania Podestà, Greta Fusar Bassini, Leonardo Galonzelli, Andrea Di Segni, Deybis Lopez e le docenti Manila Ferrari e Stefania Angelica Bertazzoli.

 

Il progetto, nato dall’iniziativa di Hara Panopoulou dell’4th General Lykeion di Alimos in Grecia, oltre allo Sraffa coinvolge: Portogallo (Agrupamento de Escolas Dr. João Araújo Correia di Peso Da Régua), Polonia (VI Liceum Ogólnokształcące im. Króla Zygmunta Augusta w Białymstoku di Białystok), Malta (Newark School Malta) e il Convitto Nazionale Statale “D. Cirillo” di Bari. L’idea cardine del percorso progettuale è stata quella di proporre una riflessione sui conflitti che possono generarsi in ogni contesto di vita personale, professionale, individuale e collettiva e successivamente avviare un confronto per trovare soluzioni creative di mediazione tra pari. Le delegazioni studentesche hanno avuto modo di confrontarsi tramite numerosi workshop e attività in role play, in un contesto che non solo ha fortemente rafforzato la loro conoscenza dell’inglese, ma li ha visti capaci di creare relazioni con i compagni delle diverse nazionalità. Preziose anche le escursioni organizzate dalla delegazione maltese: dalla capitale, alla vicina Gozo, fino ai templi megalitici di Hagar Qim.

Quanto agli effetti immediati della sospensione delle attività didattiche, sul corposo programma di mobilità e scambi studenteschi programmato a inizo anno, la referente Mariella Brunazzi comunica che diverse saranno le tappe da riprogrammare e ricalendarizzare.

La mobilità in Francia (Belfort) nell’ambito del progetto Our awesome cultural heritage ... Our awesome cities, coordinato dallo stesso Sraffa, prevista per la prossima settimana è stata rinviata in autunno, il meeting del progetto Sustein che avrebbe portato a Bochum in Germania, una delegazione di docenti, si terrà invece in modalità on line.

Probabilmente da riprogrammare anche le mobilità in Romania (Plojesti), per il progetto Our awesome cultural heritage ... Our awesome cities, coordinato dallo Sraffa e la successiva in Portogallo (Peso da Regua), per il progetto Cre@t1ve conflict resolution and peer-to-peer school mediation. Rinviata a data da stabilire anche la mobilità che avrebbe portato a maggio a Crema, le delegazioni di scuole straniere (Francia, Reunion Island e Romania), per il progetto Be an eco citizen coordinato dalla scuola francese.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.