Un “serale”….da premio

L’Associazione italiana celiachia (AIC) nasce nel 1979 su iniziativa di alcuni genitori di bambini celiaci in un’epoca in cui la celiachia era poco conosciuta e considerata una malattia pediatrica. Sostiene la ricerca scientifica attraverso Fondazione Celiachia, gestisce il marchio Spiga Barrata, il simbolo di sicurezza e idoneità degli alimenti senza glutine, attraverso la sua impresa sociale Spiga Barrata Service (SBS). Per questa importante ricorrenza SBS lo scorso anno ha indetto il bando “Auguri AIC”, rivolto alle classi delle scuole secondarie di secondo grado, per diffondere la conoscenza sulla celiachia attraverso opportuni approfondimenti.

Gli elaborati dovevano avere come tema principale la celiachia e come obiettivo l’accettazione della diversità alimentare, l’utilità dell’integrazione di chi segue un’alimentazione differente, il valore della condivisione. Ed è notizia di questi giorni, al progetto “noi promotori di rispetto dell’alterità” curato dalla docente di Tecniche di comunicazione Morgana Bonizzi e realizzato dagli allievi della classe quinta dell’indirizzo serale servizi commerciali (all’interno della quale, la presenza di allievi con celiachia ha portato ulteriore contributo esperenziale), è stato assegnato dalla giuria il primo premio su scala nazionale.

I ragazzi, che hanno completato il percorso di studio lo scorso giugno, coordinati dalla prof.ssa Bonizzi hanno realizzato una vera e propria campagna pubblicitaria: dai volantini, al video, al sito web, il tutto lavorando per competenze.

È stato prodotto anche un breve video per le scuole primarie/secondarie, “con l’obiettivo di muovere le emozioni per portare i possibili fruitori a prestare attenzione alle immagini, a capirne il significato, a provare interesse e quindi ad analizzare i propri atteggiamenti in merito al tema, per condurli poi a riflettere con consapevolezza” commenta la prof. Bonizzi, ringraziando i suoi ex allievi. Il percorso ha previsto diversi momenti di Cooperative learnign, favorendo la condivisione dei saperi e l’uso del project based learning. Mediante il progetto gli studenti hanno acquisito autonomia e responsabilità, sviluppato competenza e applicato conoscenze, apprendendo in modo significativo. Nella motivazione del premio assegnato al progetto dell’indirizzo serale, l’organizzazione ha voluto sottolineare gli elementi di “chiarezza, correttezza, originalità dei contenuti”, particolarmente aderenti ai requisiti di base richiesti dal concorso.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.