E-TWINNING

Etwinning school label

 

eTwinning è la più grande community europea di insegnanti attivi nei gemellaggi elettronici tra scuole.

Nata nel 2005 su iniziativa della Commissione Europea e attualmente tra le azioni del Programma Erasmus+ 2014-2020, eTwinning si realizza attraverso una piattaforma informatica che coinvolge i docenti facendoli conoscere e collaborare in modo semplice, veloce e sicuro, sfruttando le potenzialità del web per favorire un’apertura alla dimensione comunitaria dell’istruzione e la creazione di un sentimento di cittadinanza europea condiviso nelle nuove generazioni.

L’azione è il tramite per aprirsi ad una nuova didattica basata sullo scambio e la collaborazione in un contesto multiculturale con numerose opportunità di formazione e un sistema di premi e riconoscimenti di livello internazionale. A livello europeo sono iscritti a eTwinning circa 500.000 insegnanti, di cui 50.000 solo in Italia.

eTwinning is a free online community for schools, launched as one of the main actions of the European eLearning programme. Since 2014 it has been successfully included in Erasmus+, the European Programme for Education, Training, Youth and Sport. The Central Support Service is operated by European Schoolnet, an international partnership of 30 European Ministries of Education. At national level, it is supported by 37 National Support Services. eTwinning allows teachers (and school staff in general) to find partners in European countries and collaborate on projects in a secure network and platform. Within eTwinning, schoolscan develop creative, positively framed, educational projects with a meaningful European dimension and a pedagogical use of ICTs.

 

eTwinning

a.s. 2018/2019

Our awesome cities!

Il Progetto “Our awesome cities” propone un viaggio attraverso le città delle scuole partner e visite ai loro musei per svelare e scoprire il patrimonio culturale locale, porlo in collegamento a siti culturali della regione e promuoverlo in Europa. Il percorso di apprendimento si snoda dalla scuola alla comunità esterna creando un legame significativo e una collaborazione tra di essi per offrire istruzione formale e non-formale, ed avere un impatto significativo sulla crescita degli studenti. Le attività si basano su approcci metodologici che promuovono l’apprendimento attivo, lo sviluppo del senso di responsabilità e dell’intraprendenza. In particolare viene promossa la pratica di apprendere in un museo con attività in preparazione alla visita, e compiti durante e dopo per sfruttare al meglio l’esperienza.  I prodotti finali previsti, realizzati da gruppi internazionali in collaborazione con l’ufficio del turismo e del museo di ciascuna città, includono uno spot, una guida turistica online ed una galleria d’arte virtuale per promuovere le bellezze ed il patrimonio delle città. 

The project “Our awesome cities!” suggests a journey through the partners’ cities and visits to their museums to uncover and discover the local cultural heritage, link it to related cultural sites in the region, and promote it across Europe. The learning path moves from inside the school to the outside community creating a significant link and collaboration between them to provide formal and non-formal education, and significantly impact on the students’ growth. The educational activities are based on methodological approaches that promote active learning, the development of the students’ sense of responsibility, and entrepreneurship. In particular, the practice of learning in a museum is fostered and accompanied by a set of preparatory activities to get the best from the museum experience, and by a set of during the visit and post-visit tasks to capitalize on it. The envisaged final products made by international groups of students in collaboration with each city tourist information office and museum, include a commercial, an e-tourist guide, and a virtual art gallery to promote the cities’ beauties and heritage.

Be the Change, Take the Challenge1819

L’obiettivo di questo progetto è consentire a studenti della scuola superiore e ai loro insegnanti di creare collegamenti internazionali con coetanei o colleghi ed esperti di tutto il mondo e migliorare le proprie abilità del 21° secolo. Poiché noi tutti incontriamo difficoltà ogni giorno, è importante imparare come risolvere problemi sia semplici che complessi. Tramite il progetto, intendiamo mostrare ai nostri studenti come definire un problema, e come generare, valutare, selezionare ed implementare soluzioni. Riteniamo che questa abilità sarà una delle più importanti in futuro nel mondo del lavoro.

Gli studenti verranno a conoscenza anche degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile e dell’importanza di collegarsi in rete usando abilità rilevanti nelle classi del 21° secolo. Infatti un ulteriore scopo del progetto è mostrare agli studenti il potere della collaborazione e renderli consapevoli di obiettivi globali.

Gli studenti saranno coinvolti in:

- ricercare in internet

- intervistare membri della comunità ed esperti online

- preparare presentazioni orali

- creare materiali digitali condivisibili

 

The objective of this project is for high school students and teachers to make international connections with peers and experts from all over the world and to improve their 21st-century skills. As we all face difficulties every single day, it is important to learn how to solve both easy and complex problems. Through the project, we aim to show our students how to define problems, and how to generate, evaluate, select and implement solutions. We believe that this skill will be one of the most important ones in the future workplaces.

Students will also learn about the Sustainable Development Goals and the importance of networking using skills relevant in the 21st-century classrooms. In fact an additional project’s aim is to show students the power of collaboration and make them aware of global issues.

 

 

 

Students will be involved in:

-Researching on the Internet;

-Interviewing community members and experts online;

-Preparing oral presentations;

-Creating shareable and digital materials

 

No news is fake news

Il Progetto ha come focus l’alfabetizzazione mediatica e le fake news, le notizie false. Come si è influenzati dalle notizie false online? Come possono i media alterare la realtà? Cos’è  il bagaglio digitale?

Il suo obiettivo è sviluppare competenze del 21° secolo quali:

- l’intraprendenza

- abilità per la vita e la carriera

- abilità informatiche (utilizzando le abilità informatiche per scopi specifici non solo Facebook o altri social media)

- consapevolezza sociale

- capacità decisionale responsabile (lavorare in un gruppo dividendo i ruoli)

- collaborazione (lavoro di gruppo, lavoro a coppie)

 

The project focuses on media literacy and fake news. How are you affected by fake news online? How can media alter reality? What about fake online identities? What is in your digital baggage?

Its objective is to develop 21st century competencies such as: 

- entrepreneurship 

- life and career skills 

- IT skills (using IT for specific purposes not just Facebook or other social media)

- social awareness 

- responsible decision-making (working in a group dividing roles)

- collaboration (group work, pair work) 

 

 

 

Cre@t1ve Conflict Resolution and Peer-to-Peer School Mediation

Questo progetto affronterà il problema dei conflitti (per esempio il bullismo o gli attacchi razzisti) che frequentemente si verificano tra gli studenti nelle scuole contemporanee portando ad esiti negativi e distruttivi. L’abilità di risolvere conflitti, strumenti e tecniche come la mediazione sono risposte efficaci a diversi tipi di conflitti e tensioni a scuola. Inoltre, l’abilità di risolvere conflitti è cruciale per i giovani cittadini che vivono in una società estremamente complessa piena di sfide e di conflitti. Abbiamo bisogno di imparare ad affrontare la complessità del nostro mondo moderno, interpretando conflitti e contraddizioni come opportunità che arricchiranno le nostre vite e gestendoli in modo pacifico e creativo. La scuola è il posto adatto per imparare, mettere in pratica e conseguentemente sviluppare le abilità sociali necessarie per quello scopo. Il progetto proposto fornirà ad insegnanti e studenti importanti abilità chiave per la loro crescita e sviluppo professionale.

This project will respond to the problem of conflicts (e.g. bullying, racist attacks) that frequently occur among students in contemporary schools leading to negative/destructive results. Creative conflict resolution skill, tools and techniques such as mediation are effective responses to different kinds of conflicts and tensions at school. Additionally, conflict resolution skill is crucial for young citizens who live in an extremely complex society full of challenges and conflicts. We need to learn how to deal effectively with complexity in our modern world, understanding conflicts and contradictions as opportunities which enrich our lives and handling them in a peaceful and creative manner. The school is the right place to learn, practice and thereby develop the necessary life skills for that purpose. The suggested project will provide our teachers and students important key skills for their growth and professional development. 

S.O.S. with STEM

Il progetto tratta questioni ambientali. Agli studenti verrà presentato l’Obiettivo di Sviluppo Sostenibile n. 14 “La vita sott’acqua”. In tal modo impareranno l’importanza del mare su cui si affaccia la loro città (o qualsiasi altro specchio d’acqua), come l’ambiente sia importante per una vita sana e perché prendersi cura del loro mare (o specchio d’acqua) aiuti il pianeta. Il risultato atteso è una maggiore consapevolezza dell’impatto che la plastica ha sul nostro ambiente e di cosa possiamo fare per fermare l’inquinamento.

The project deals with environmental issues. The pupils will be introduced to SDG n. 14 Life below water.

In so doing they will learn about the importance of the sea their city is by (or other body of water), how important the environment is for a healthy life and why looking after their sea (or body of water) helps the planet. The expected result is an increased awareness of the impact plastic has on our environment and what we can do to stop pollution.

A Book And Thousand Shares

Il progetto si basa sulla lettura estensiva. La lettura estensiva consiste nel leggere il maggior numero di libri possibile e tramite essa gli studenti diventano migliori lettori, imparano un maggior numero di vocaboli, migliorano la scrittura e la competenza linguistica in genere, sono più motivati a continuare a leggere, diventano autonomi nell’apprendimento e sono più empatici. Dopo aver letto libri di loro scelta gli studenti svolgeranno attività come scrivere posts per condividere commenti con i loro compagni nel Twinspace, pianificare eventi collegati ai libri (e.g. gite o gite virtuali), fare video, poster digitali … o raccontare storie su di essi. In tal modo svilupperanno curiosità, creatività, capacità investigative, e capacità di lavorare in team. Anche la collaborazione in gruppi internazionali sarà inclusa.

The project is based extensive reading. Extensive Reading consists in reading as many books as possible for pleasure and through it students become better readers, learn more vocabulary, improve writing and their overall language competence, become more motivated to read, become autonomous learners and are more empathetic. After reading books of their choice the students will carry out activities such as writing posts to share their comments with their twin mates, planning events related to the books (e.g. trips or virtual trips), making videos, e-posters … or telling stories about them. In so doing they will develop curiosity, creativity, investigation skills, and team working skills. Collaboration in international teams will be included as well.

 

 

2017 / 2018

CLIL approaches in European countries: a comparison

 

Il progetto ha avuto come finalità la condivisione di esperienze e buone pratiche nell’implementazione di moduli CLIL in scuole italiane e spagnole per migliorare l’offerta formativa degli istituti coinvolti e successivamente diffondere i risultati del lavoro svolto ad ampio raggio tramite il sito della scuola. Nel corso dell’anno scolastico  docenti di materia ed insegnanti di L2 hanno progettato e reso operativi nelle loro classi moduli CLIL ed effettuato attività di ricerca azione. I materiali postati sono stati utili per i partner  perché hanno offerto spunti di riflessione per la programmazione, per la preparazione dei materiali e l’organizzazione delle lezioni. Nell’ambito del progetto è stato incluso anche uno scambio culturale tramite il quale docenti ed alunni hanno avuto modo di approfondire la conoscenza e di presentare il proprio territorio ed alcuni aspetti del patrimonio culturale (arte e tradizioni culinarie). Il progetto ha anche dato l’opportunità di testare alcuni descrittori  del CEFR Companion Volume nell’ambito di un progetto italiano coordinato da Gisella Langé (MIUR) e Letizia Cinganotto (INDIRE).

 

The project focused on sharing experiences and good practices in the implementation of CLIL modules and on explaining how CLIL activities are organized in Italian and Spanish schools.

Subject teachers together with L2 teachers planned and implemented CLIL modules in their classes, and carried out action research activities.

Students talked about their CLIL experience with their peers making a list of positive and negative points and giving tips to improve CLIL activities.

The main objectives of the learning path were to:

- enjoy with students/teachers from other European countries the adventure of learning/teaching content through English.

- leave the zone of quite passiveness students have during traditional lessons getting more confident while learning with other European schoolmates.

- support the acquisition of 21st century skills in students by promoting problem solving and critical thinking activities and boosting creativity and divergent thinking.

- reflect upon CLIL as a methodological approach and exchange good practices (teachers).

- involve students in a discussion about CLIL to analyse their perspective and take advantage of their hints to improve lesson plans.

Moreover the project gave the opportunity to test some descriptors of the CEFR Companion Volume within an Italian project coordinated by Gisella Langé and Letizia Cinganotto.

 

https://sites.google.com/p.sraffacrema.it/blog-testing-descriptors/home

https://sites.google.com/p.sraffacrema.it/cultural-heritage-food/home

https://madmagz.com/magazine/1348972

https://madmagz.com/magazine/1280410

http://saravillani.artsteps.com/pages/editexhibition.aspx?exhibition=41792

https://www.thinglink.com/scene/1052162080695648257

 

Clil Approaches

Crossing Borders

Crossing borders, che è stato parte del piano di lavoro del partenariato strategico Erasmus+ S.M.I.L.E., ha avuto lo scopo di permettere agli studenti di diverse nazioni europee di incontrare virtualmente amici europei e scoprire i loro paesi, paragonare i propri stili di vita, abitudini alimentari, tradizioni, cultura e religione e al contempo migliorare le proprie abilità linguistiche (L1 e L2) e imparare le nozioni di base delle lingue dei propri compagni. Gli studenti sono stati in grado di evidenziare le differenze tra i propri paesi ma soprattutto di individuare quelle somiglianze che costituiscono le radici dell’Unione Europea.

Hanno imparato inoltre quali sono gli organi, le leggi e i documenti rilevanti dell’Unione Europea e la sua storia, le sue istituzioni e le sue politiche, e hanno compreso il significato di cittadinanza europea. Hanno anche trattato temi attuali come l’immigrazione e discusso su come l’Unione Europea si evolverà in futuro in termini di integrazione economica e politica ma anche di conservazione della diversità dei popoli europei che costituisce un valore aggiunto arricchente per l’Unione.

 

Crossing borders, which was part of the Erasmus+ KA2 Strategic Partnership S.M.I.L.E.,  had the purpose to make students from different nations in Europe virtually meet European friends and discover their countries, compare their lifestyle, nutritional habits, traditions, culture and religion while improving their language skills (L1 and L2) and learning the basics of their European mates’ languages. Students could highlight differences among their countries but above all spot those similarities which make up the roots of the European Union.

They learnt about relevant bodies, laws and documents of the European Union and about its history, its institutions and its policies, and understood the meaning of European citizenship. They also dealt with current topics such as immigration and discussed on how the EU will evolve in the future in terms of political and economic integration but also of preservation of the diversity of the European peoples, which constitutes an added value enriching the EU.

 

Crossing Border

Crossing Border European

 

 

CLIL in motion in Technical and Vocational School in the UE

 

 

CLIL in motion in Technical and Vocational School in the UE ha sostenuto l'implementazione della metodologia CLIL in istituti tecnico-professionali al fine di promuovere un'azione didattica centrata:

  • sui discenti;
  • sull'acquisizione di competenze del 21° secolo quali lo sviluppo del pensiero critico e creativo, della capacità di problem solving e di team working, del senso di responsabilità;
  • sull'apprendimento integrato di lingua e contenuto;
  • sull'uso delle nuove tecnologie;
  • sullo scambio di buone pratiche ( scambio e confronto di moduli CLIL) tra scuole per migliorare l’offerta formativa.

Gli insegnanti coinvolti sono impegnati nella sperimentazione CLIL da anni e il loro lavoro si è caratterizzato per la stretta collaborazione tra docenti DNL e docenti L2. Tali docenti hanno seguito percorsi di formazione specifici attraverso progetti nell’ambito del Lifelong learning programme (Comenius formazione in servizio, Leonardo da Vinci VETPRO), del programma Erasmus+ (KA2 Strategic partnership con ampia implementazione di moduli CLIL), o corsi di perfezionamento universitari.

Le classi coinvolte hanno partecipato con entusiasmo alle attività proposte ed il feedback è stato positivo.

 

CLIL in motion in Technical and Vocational School in the UE supported the implementation

 

Clil in Motion 2017

 

 


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.