Inclusione

Disabilità

Da numerosi anni l’Istituto SRAFFA si mostra sensibile nei confronti della disabilità rendendo così operative le indicazioni della Legge-quadro n.104/92. Nell’ottica della valorizzazione di ciascun discente, l’equipe dei docenti di sostegno e curricolari, in collaborazione con la famiglia e tutte le figure professionali coinvolte, accompagna l’allievo certificato nella costruzione di un percorso di vita adeguato alle sue peculiarità e potenzialità.

L’Istituto presta particolare attenzione agli alunni nel passaggio dalle scuole secondarie di primo grado, al fine di rendere più consapevole e sereno il momento di transizione, attraverso attività d’informazione presso la scuola di provenienza e giornate aperte all’Istituto SRAFFA.

 Gli insegnanti dei Consigli di Classe, con i genitori dell’alunno e gli operatori socio-sanitari che hanno stilato la Diagnosi Funzionale, dopo un periodo di osservazione, redigono il PEI.

 

P.E.I.

OBIETTIVI

VERIFICHE

VALUTAZIONE

FINE PERCORSO

SEMPLIFICATO

Minimi: previsti dai programmi ministeriali, o comunque ad essi globalmente corrispondenti  (art. 15 comma 3 dell’O.M. n.90 del 21/5/2001)

Equipollenti: eventuali mezzi /modalità/tempi differenti idonei per il rilascio del diploma

Equivalente alla classe

Gli alunni partecipano agli esami di stato e acquisiscono il titolo di studio finale

DIFFERENZIATO

Non riconducibili ai programmi ministeriali

Differenziate

Riferita al PEI

Gli alunni partecipano agli esami di stato e acquisiscono un attestato di credito formativo

                 

Disturbi Evolutivi Specifici

I consigli di classe elaborano un piano didattico personalizzato per gli alunni che presentano un disturbo evolutivo specifico diagnosticato, allo scopo di aiutarli a raggiungere gli obiettivi di apprendimento della classe. In questi casi, in ottemperanza alla legge 170/2010 e al D.M. 5669 del 12/07/2011, è previsto l'utilizzo di strumenti compensativi e/o di misure dispensative.

 

                  Svantaggio socio-economico-culturale e linguistico

Rientrano qui gli alunni in particolari condizioni sociali o ambientali che causano loro svantaggio e difficoltà nell’apprendimento (D.M. 27-12-2012 e successiva C.M. n. 8 del 6-3-2013).

Per questi alunni a seguito dell’osservazione del consiglio di classe che rileva l’esistenza di cause di BES (ad esempio: crisi affettiva, malattia, limitazioni economiche, difficoltà di apprendimento non certificabili, immigrazione, ecc) e le condivide con la famiglia, si personalizzano gli interventi didattici mediante la formulazione di un PDP.

 


Pubblicata il 20 aprile 2017

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.

Approfondisci